Secondi piatti

Ciambella salata agli spinaci,speck e mozzarella

ciambella salata spinaci

Quando non sapete cosa fare a cena a volte basta aprire il frigo e vedere cosa c’è all’interno!
La ciambella agli spinaci, speck e mozzarella infatti è nata per questo : uova, latte,farina e quello che vi avanza in frigo. Niente di più semplice. 
Io avevo nel freezer degli spinaci surgelati e in frigo dello speck e un pacchetto di mozzarella che fluttuava da troppo tempo lì e nessuno se la voleva mangiare.  
Una ciambella salata buonissima, che può essere servita sia tiepida che fredda. 
E’ un salvacene perfetto perchè si può preparare in anticipo, e la potete scaldare sotto al grill se vi piace fragrante oppure fredda è sempre buona!
Potete aggiungere ingredienti o potete sostituire  quelli che io ho messo all’interno per creare altri tipi di ciambella salata!
La ricetta è ispirata a quella di Simona 
anche se ho modificato leggermente le dosi e aggiunto quello che io avevo in casa!

Ciambella salata

Print Recipe
Ciambella salata spinaci e speck
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 50 minuti
Porzioni
persone
Ingredienti
Tempo di preparazione 10 minuti
Tempo di cottura 50 minuti
Porzioni
persone
Ingredienti
Istruzioni
  1. Fate stufare gli spinaci surgelati in una padella per 5 minuti.
  2. In una ciotola unite le uova, il latte, l'olio e mescolate con una frusta. Aggiungete il parmigiano, lo speck, la mozzarella a cubetti e gli spinaci e date una mescolata veloce.
  3. Unite a questo punto la farina e il lievito, mescolando con un cucchiaio.
  4. Oliate uno stampo a ciambella delle dimensioni di 26 cm e versatevi il composto. Infornate a 180° per 50 minuti. Fate comunque la prova stecchino per verificare la cottura. Sfornate e lasciate raffreddare completamente prima di portarlo in tavola!
Condividi questa Ricetta
 

ciambella salata

La ciambella salata è un ottimo piatto unico, contiene carboidrati, proteine e verdura. Due fette e la cena è servita!

ciambella salata

You Might Also Like

No Comments

Leave a Reply